motore di ricerca

Unione

Presidente, Giunta, Consiglio, Dove siamo, Contatti... Entra nella sezione  Unione

Istituzione

Istituzione servizi sociali educativi e culturali dell'unione dei comuni dell'appennino bolognese ... Entra nella sezione  Istituzione

Servizi

Ambiente, Forestazione, Difesa del suolo, Attività produttive, Servizi sociali, ... Entra nella sezione  Servizi

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

ultima modifica: rafhael ferretti  05/08/2022

Contributi per la Rinegoziazione degli Affitti 2022

notizia pubblicata in data : lunedì 25 luglio 2022

Contributi per la Rinegoziazione degli Affitti 2022

Con la DGR 1152/22 previsti nuovi criteri e nuove scadenze per accedere ai contributi previsti per i proprietari di casa che hanno rinegoziato il canone di locazione. Di seguito dettagli ed informazioni per chi fosse interessato.



Beneficiari
Sono beneficiari del contributo i proprietari di casa a seguito di rinegoziazione del contratto di locazione regolarmente registrato da almeno un anno e con i conduttori titolari e contitolari del contratto che non devono avere un ISEE superiore a 35.000 euro.
La rinegoziazione deve essere avvenuta in data successiva alla pubblicazione del presente programma quindi dop il 02/08/2021

Tipologie
Il programma prevede due tipologie di rinegoziazione con relativa graduazione dei contributi:
  • Riduzione dell'importo del canone di locazione libero o concordato: la riduzione deve essere almeno il 20% e con una durata minima non inferiore ai 6 mesi. Il canone non può essere superiore a 800 euro. Il contributo sarà pari a:
    - Dai 6-12 mesi: contributo pari al 70% del mancato introito e comunque non superiore a euro 1500
    - Dai 12-18 mesi: contributo pari all'80% del mancato introito e comunque non superiore a euro 2500;
    - Oltre 18 mesi: contributo pari al 90% del mancato introito e comunque non superiore a euro 3000;
    (per esempio: canone originario mensile Euro 800,00; riduzione 20% calcolata su 18 mesi = Euro 160,00 x 18 = 2.880,00 - contributo riconosciuto una tantum 80% = € 2.304,00.)

  • Riduzione dell'importo del canone con modifica della tipologia contrattuale da libero a concordato: il nuovo canone non dovrà essere superiore a 700 euro. Il contributo, in questo caso, sarà pari all'80% del mancato introito, calcolato sui primi 24 mesi del nuovo contratto con contributo massimo non superiore a 4000 euro.
    (per esempio: canone libero annuo Euro 8.400,00; rinegoziazione concordato Euro 6.720,00; riduzione calcolata su 24 mesi = Euro 3.360,00; contributo una tantum 80% riconosciuto = Euro 2.688,00.) La quota di riduzione del canone, ovvero il mancato introito, è calcolata considerando la differenza fra canone annuo del contratto originario e nuovo canone annuo


Requisiti d'accesso e vincoli
Sono causa di esclusione le seguenti condizioni del nucleo del conduttore:
  • avere avuto nel medesimo anno la concessione di un contributo del Fondo per l’”emergenza abitativa” derivante dalle deliberazioni della Giunta regionale, n. 817/2012, 1709/2013, n. 1221/2015 e n. 2365/2019;
  • avere avuto nel medesimo anno la concessione di un contributo del Fondo per la “morosità incolpevole” di cui all’art. 6, comma 5, del D.L. 31/07/2013, n. 102 convertito con Legge del 28/10/2013, n. 124;
  • essere assegnatario di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica.

Nel corso dell’anno 2022 i contributi del Fondo affitto (anche per effetto dello scorrimento), emergenza abitativa, morosità incolpevole e rinegoziazioni non sono cumulabili.

Documentazione per presentare domanda
La domanda va presentata attraverso apposito modulo che andrà corredata delle seguenti informazioni necessarie:
  • Dati anagrafici del locatore e del conduttore;
  • ISEE del conduttore
  • Estremi del contratto di locazione registrato da almeno un anno
  • Estremi registrazione rinegoziazione in essere presso Agenzia Entrate
  • Durata e tipologia di rinegoziazione applicata
  • Canone originario e rinegoziato
  • Contributo Spettante e IBAN locatore per l'esecuzione del pagamento


Scadenze presentazione domande:
Per quanto riguarda i comuni dell'Unione Appennino Bolognese indicativamente le date utili per presentare le domande saranno le seguenti
  • 1 settembre 2022
  • 26 ottobre 2022


Il modulo di domanda con annessi allegati è possibile inviarla all’indirizzo pec isec.unioneappennino@cert.cittametropolitana.bo.it
(questa pec può ricevere posta anche da indirizzi mail generici non certificati come gmail, yahoo, live etc.)

Per maggiori informazioni o dettagli
Rafhael Ferretti
Tel. 051 6773343
rafhael.ferretti@unioneappennino.bo.it
Risultato
  • 3
(101 valutazioni)
Documenti Allegati
Modulo Domanda Formato pdf Scarica il documento - formato pdf - 521 Kb
Calendario Eventi
<< agosto 2022 << L M M G V S D 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31                      
Unione dei Comuni
dell'Appennino Bolognese
Indirizzo: P.zza della Pace 4 40038, Vergato (BO) - Sede Operativa Via Berlinguer 301 - 40038, Vergato (BO)
telefono: 051911056 - 0516740158   fax: 051-911983  CF: 91362080375
PEC UNIONE unioneappennino@cert.provincia.bo.it
PEC ISTITUZIONE
isec.unioneappennino@cert.cittametropolitana.bo.it

Sito web realizzato da Ai4Smartcity s.r.l. © 2022