motore di ricerca

Unione

Presidente, Giunta, Consiglio, Dove siamo, Contatti... Entra nella sezione  Unione

Istituzione

Istituzione servizi sociali educativi e culturali dell'unione dei comuni dell'appennino bolognese ... Entra nella sezione  Istituzione

Servizi

Ambiente, Forestazione, Difesa del suolo, Attività produttive, Servizi sociali, ... Entra nella sezione  Servizi

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

ultima modifica: Carmine Caputo  28/09/2018

Riaperta dopo la frana la strada comunale di Marano

notizia pubblicata in data : venerdì 28 settembre 2018

Lavori a Marano

È stata riaperta al traffico il 24 settembre la strada comunale di Marano ex SS64 (la cosiddetta "Porrettana Vecchia") che era stata chiusa a causa di un'imponente frana nei pressi della località Maranina.

Si è così conclusa la prima fase dei lavori, quella di somma urgenza, che da un lato ha visto i tecnici della Regione Emilia-Romagna intervenire sulla risagomatura del fiume Reno, per consentire il deflusso delle piene ed evitare il rischio che l’acqua inondasse l'abitato, dall'altro ha consentito ai tecnici dell'Unione dell'Appennino di lavorare a monte della frana per la regimazione delle acque superficiali. Il costo dei lavori dell'Unione, finanziati dalla Regione, sono stati di circa 100 mila euro. Al Comune invece è spettato il compito di riaprire in via provvisoria la precedente strada consentendo così la riapertura al traffico.

Oltre alla strada, che essendo provvisoria non è ancora stata asfaltata, sono stati ripristinati anche gli accessi alle abitazioni che erano rimaste isolate dalla frana. La riapertura della strada e la realizzazione delle opere correlate è stata resa possibile grazie ad un finanziamento regionale di circa 100 mila euro. Il tracciato è lo stesso della strada precedente, anche se inevitabilmente ci sono state delle variazioni altimetriche, considerando che il movimento franoso ha interessato oltre un milione di metri cubi di terra e fango. Altri centomila euro saranno necessari per il ripristino completo della viabilità (asfaltature, opere secondarie, arredi urbani) ma sarà possibile procedere solo dopo che sarà completata la seconda fase dei lavori.

Per questa seconda fase saranno necessarie indagini approfondite, attualmente in corso da parte della Regione, visto che bisognerà provvedere alla stabilizzazione del corpo franoso e al ripristino della sponda del fiume franata, allargando la sezione del Reno in modo da garantire la massima portata delle acque, che allo stato attuale è invece limitata. È facile prevedere che ci vorranno almeno tre anni prima che i lavori per la messa in sicurezza complessiva e il ripristino del versante e del fiume possano dirsi effettivamente conclusi.

È ovviamente molto soddisfatta la sindaca di Gaggio Montano Elisabetta Tanari, visto che nessuno dava per scontata una riapertura in tempi così veloci, considerando sia la dimensione della frana, sia la presenza di una viabilità alternativa che in un certo senso poteva mettere in secondo piano questo intervento.
Abbiamo voluto riaprire la strada il prima possibile per ridurre il disagio di lavoratori e studenti, costretti a lunghi percorsi per lasciare la frazione, e quello degli esercizi commerciali che rischiavano di rimanere isolati e di soffrire particolarmente di questa situazione. Devo ringraziare Regione Emilia-Romagna, Agenzia Regionale di Protezione Civile, Unione dei comuni dell'Appennino bolognese, tecnici comunali, volontari, forze dell'ordine, insomma tutti coloro che hanno reso possibile questo intervento così rapido. Sin dal primo momento della tragedia gli enti regionali ci sono stati molto vicini e di questo siamo grati".

Risultato
  • 3
(319 valutazioni)
Calendario Eventi
<< giugno 2019 << L M M G V S D           1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30              
Unione dei Comuni
dell'Appennino Bolognese
Indirizzo: Piazza della Pace, 4 - 40038, Vergato (BO)
telefono: 051911056 - 0516740158   fax: 051-911983  CF: 91362080375
PEC UNIONE unioneappennino@cert.provincia.bo.it
PEC ISTITUZIONE
isec.unioneappennino@cert.cittametropolitana.bo.it
Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl Copyright © 2014