motore di ricerca

Unione

Presidente, Giunta, Consiglio, Dove siamo, Contatti... Entra nella sezione  Unione

Istituzione

Istituzione servizi sociali educativi e culturali dell'unione dei comuni dell'appennino bolognese ... Entra nella sezione  Istituzione

Servizi

Ambiente, Forestazione, Difesa del suolo, Attività produttive, Servizi sociali, ... Entra nella sezione  Servizi

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

ultima modifica: Carmine Caputo  21/01/2016

Finanziamenti per le giovani imprese: alcune novità

notizia pubblicata in data : giovedì 14 gennaio 2016

Finanziamenti per le giovani imprese: alcune novità

Il Fondo StarER è nuovamente attivo

Dal 02 novembre è possibile presentare nuove domande di finanziamento.

Il Fondo StartER è un fondo rotativo di finanza agevolata, approvato dalla Regione Emilia-Romagna con Deliberazione di Giunta n. 1198/13, a compartecipazione privata, finalizzato a supportare progetti di investimento effettuati da nuove imprese nel territorio regionale attraverso la concessione di finanziamenti a tasso agevolato.

Possono accedere al finanziamento nuove imprese (piccole o medie ex Raccomandazione 2003/361/CE del 06/05/2003 e D.M. 18/04/2005 - G.U. 238 del 12/10/2005) aventi localizzazione produttiva in Emilia-Romagna.

Le imprese dovranno risultare operanti, come attività principale, nelle sezioni della classificazione delle attività economiche (ATECO 2007) di seguito riportate:
· SEZIONE B "Estrazione di minerali da cave e torbiere", tutta la sezione;
· SEZIONE C "Attività manifatturiere", tutta la sezione;
· SEZIONE D "Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata, tutta la sezione;
· SEZIONE E "Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento";
· SEZIONE F "Costruzioni";
· SEZIONE G "commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli", limitatamente al gruppo 45.2 "Manutenzione e riparazione di autoveicoli" e alla categoria 45.40.3 "Manutenzione e riparazione di motocicli e ciclomotori (inclusi i pneumatici);
· SEZIONE H "Trasporto e magazzinaggio";
· SEZIONE I "Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione", limitatamente alle categorie 56.10.2 "Ristorazione senza somministrazione con preparazione di cibi da asporto", 56.10.3 "Gelaterie e pasticcerie";
· SEZIONE J "Servizi di informazione e comunicazione";
· SEZIONE L "Attività immobiliari";
· SEZIONE M "Attività professionali, scientifiche e tecniche";
· SEZIONE N "Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese";
· SEZIONE P "Istruzione";
· SEZIONE Q "Sanità e assistenza sociale";
· SEZIONE R "Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento";
· SEZIONE S "Altre attività di servizi".

I finanziamenti, nella forma tecnica di mutuo con rientri trimestrali a scadenze fisse, possono avere durata minima di 18 mesi e massima di 84 mesi, per un importo non superiore all’85% del progetto presentato, con un minimo finanziabile di 25 mila euro ed un massimo di 300 mila euro.

Interventi ammissibili:
  • interventi su immobili strumentali quali costruzione, acquisizione, ampliamento e/o ristrutturazione; è finanziabile anche l’acquisto di terreni nel limite del 10% del progetto;
  • acquisizione di macchinari, impianti e attrezzature;
  • acquisizione di brevetti, licenze, marchi, avviamento;
  • consulenze tecniche e/o specialistiche;
  • spese del personale adibito al progetto nel limite del 30% del progetto;
  • spese per la produzione della documentazione tecnica necessaria per la presentazione della domanda per un importo massimo pari a 10.000 euro

Gli interventi dovranno essere realizzati, intendendosi come termine la data di ultimo pagamento e di invio della rendicontazione finale, entro 12 mesi dalla data di concessione e comunque entro e non oltre il 30/09/2016.

Per approfondimenti sul Fondo StartER:

Sito Fondo StartER

Invitalia: nuove imprese a tasso zero

Incentivi per i giovani under 35 e per le donne: prestiti a tasso zero – autoimprenditorialita


Fissati i criteri e le modalità di concessione degli incentivi a tasso zero dedicati alle donne e ai giovani tra i 18 e i 35 anni di età che vogliono creare nuove imprese. (Decreto MISE e MEF dell’ 8 luglio 2015 n. 140 pubblicato nella G.U. n. 206 del 5 settembre 2015 e circolare 9 ottobre 2015 n. 75445).
Si tratta di nuove agevolazioni, che puntano a sostenere, in tutta Italia, la nascita e lo sviluppo di micro e piccole imprese a prevalente o totale partecipazione giovanile o femminile: finanziamenti senza interessi, per progetti di investimento fino a 1,5 milioni di euro.
I progetti possono riguardare la produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli o servizi, in tutti i settori, compresi il commercio e il turismo.
Particolare rilevanza è riservata alle attività di innovazione sociale, a quelle legate alla filiera turistico-culturale, alle iniziative di valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale. Possono presentare domanda di accesso alle agevolazioni le imprese costituite al massimo da 12 mesi.
I programmi di investimento approvati saranno finanziati con un mutuo agevolato a tasso zero della durata massima di 8 anni e di importo massimo pari al 75% delle spese ammissibili. Le imprese dovranno quindi garantire la copertura finanziaria della restante parte del programma di investimento con risorse proprie.
Gli investimenti dovranno essere realizzati entro 24 mesi dalla firma del contratto di finanziamento con Invitalia.
Le domande di agevolazione possono essere presentate ad INVITALIA a partire dal giorno 13 gennaio 2016.

Per maggiori informazioni consultare il sito http://www.invitalia.it/site/new/home/chi-siamo/area-media/notizie-e-comunicati-stampa/parte-imprese-a-tasso-zero.html
Risultato
  • 3
(1221 valutazioni)
Calendario Eventi
<< novembre 2017 << L M M G V S D     1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30                    
Unione dei Comuni
dell'Appennino Bolognese
Indirizzo: Piazza della Pace, 4 - 40038, Vergato (BO)
telefono: 051911056 - 0516740158   fax: 051-911983  CF: 91362080375
Posta elettronica certificata (PEC) unioneappennino@cert.provincia.bo.it  e-mail: info@unioneappennino.bo.it
Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl Copyright © 2014